Ebbene si!  Watercolour we trust è l’articolo più letto di questo blog. Chiariamo in anticipo che non stiamo parlando di cifre galattiche ma tutti i gioni c’è sempre un bel pò di gente  che se lo legge, se lo spulcia e clicca sui link e magari ne trae inspirazione, per i propri lavori o, più semplicemente,  per quello che gli pare e piace. Quindi considerato quanto detto sopra direi che è l’ora di replicare con un post-figlio che faccia fare alla sottoscritta una degna figura… vediamo se con questo riusciamo a battere la classifica del più letto.

La sintesi? Si impara facendosi il mazzo con gli acquarelli! C’è poco da fare perchè con la scusa che bisogna essere decisi e fermi perchè altrimenti viene una porcheria prima di arrivare ad imparare a fare una linea che definisce, che sò… il collo di una bellissima modella, si buttano pacchi di fogli o ritagli di tutte le dimensioni. Chissà quanta carta avranno buttato le persone citate sotto prima di imparare a definire un soggetto con una sola linea?


Aasha Ramdeen

La sua arte è prestata a diverse discipline tipo la pubblicità, il tessile, la decorazione degli interni e alcune delle sue opere si trovano in collezioni private. Comunque le specializzazioni della giovane illustratrice sono le illustrazioni fashion super stilizzate che hanno un sapore vagamente anni ’50, forse per le pose delle modelle o i colori degli abiti. O forse perchè rivende una bella idea della femminilità così seria e fiera. Aasha Ramdeen è nata a Trinidad e adesso risiede stabilmente a Los Angeles in California di seguito un bell’estratto del suo portfolio. Questo è il suo sito.


Sarah Hankinson

Questa illustratice viene dall’Australia, si è diplomata nel 2004 e da allora pare aver avuto una carriera intensissima tra esibizioni e pubblicazioni su magazine di moda e bellezza (mò pure qui…). I suoi lavori dembrano delle fotografie in bianco e nero di ragazze bellissime che guarda il caso fanno le modelle, in realtà come si può vedere dal suo blog il vero protagonista è il suo quaderno degli schizzi, infatti in questo caso l’acquarello passa in secondo piano rispetto alla grafite che definisce la forma con linee sapientemente tracciate. Quando arriva il turno della descrizione di alcuni particolari tipo le gote rosse o le pieghe di un abito allora Sarah utilizza l’acquarello e ci riesce pure bene! Il suo sito è qui.


Baiba Ladiga

Chi è costei? Dunque questa ragazza proviene direttamente dalla Art Accademy of Latvia dove si è presa un master in Arte nel 2004. Su di se non dice molto altro se non che attualmente per trovarla bisogna andare direttamente a Shangai, lì si occupa di moda e di illustrazione e di styling. Yeah. Questo è il suo sito, questo è il suo Etsy perchè volendo si possono acquistare alcune delle sue creazioni. Il suo logo mi piace da morire perchè centra in pieno quello che fa. Comunicativo ed emozionale.


Christian David Moore

Signore (o signori) miei questo è un maestro… è un fenomeno da champagne. Come è capace lui solo pochissimi. La sua tecnica è un misto di più elementi come chine colorate per dare definizione e sottolineare  alcuni elementi e acquarelli per terminare. Intanto ha tutta la mia stima, non solo perchè è bravissimo ma, anche solo per aver ammesso che una volta terminato il lavoro con i pennelli e colori  scansiona il disegno e lo ritocca a Photoshop… sarà anche l’unico credo… comunque, i suoi soggetti sono ragazze o donne bellissime tra eleganza e il lusso più sfrenato.

I clienti sono tantissimi e famosisissimi e per la maggior parte fashion magazine o aziende che ruotano intorno al mondo della moda e della pubblicità. Per vedere le sue illustrazioni si va qui e l’animazione in home page è bellissima. Se invece si vuole vedere che faccia ha l’illustratore inglese si guarda il video sopra.

Gemma Milly

La signorina Milly è una talentuosa illustratrice from London – Uk. Dunque… anche in questo caso rispetto al sopracitato mr Moore, troviamo un’altra illustratrice di moda che unisce più elementi nella sua produzione dal tradizionale all’innovativo. Con l’utilizzo di carta e cartone, penne colorate e pennarelli, acquarelli e chine colorate crea la sua illustrazione e con il modernissimo mezzo fornito dal computer “ritocca” la sua immagine per renderla più carica o forse per unire più pezzi che di solito si trovano sparpagliati su diversi fogli. Come tanti artisti possiede un sito personale e un blog dove tenersi aggiornata sulle ultime news e ispirazioni varie che vengono da mezzo  web.


Tae Querney

Su questa fanciulla si sa davvero poco, più o meno quello che succede quando giovani illutratori si buttano nel mondo del web già stra-saturo e devono descriversi. Panico…. ok ne so qualcosa. Comunque a parte questo (che potrebbe anche non essere vero) sappiamo che è nata a Seoul e che alla tenerissima età di 9 anni si è trasferita a Seattle e adesso vive a Nuova York con due gatti. Miao. Che figata. Eccola anche lei con la questione Photoshop aperta… questi illustratori mi piacciono sempre di più… sul suo blog qualcuno ha avuto la geniale idea di chiederle qual’è il suo iter lavorativo e lei ce ne da un assaggio qui, non molto esplicativo ma è già un inizio. Questo è il suo sito.

A proposito dell'autore

Valentina

Ciao sono Valentina art director, blogger e amante del tè. Mi piace scoprire cose nuove e amo la creatività sotto tutte le forme, cerco spunti creativi e risorse per il mio lavoro e sono convinta che anche tu sei così. Mi sbaglio?

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata